Partner
FICC - Federazione Italiana dei Circoli del Cinema

Sa FICC l’aiant costituida a manera informale in cabudanni de su 1947 in s’interis de sa Mustra de Arte Cinematogràfica de Venètzia. Sa costitutzione formale sua, imbetzes, est de s’8 de santandria de su 1947. Sos primos cìrculos l’aiant costituida comente organismu de coordinamentu pro sa salvaguàrdia de su patrimòniu culturale cinematògraficu, pro s’isparghinamentu lìberu e sa connoschèntzia crìtica de sa produtzione fìlmica, pro su sustennu de su cìnema italianu a manera particulare. Medas crìticos, autores e traballadores fiant supridos, paris a s’entusiasmu de su cìnema neorealista, s’esigèntzia de informatzione e discussione avèrtida cun agudesa in cussos annos dae una fita manna de su pùblicu italianu. Sos cìrculos aiant bundadu, divenende in presse unu de sos movimentos prus interessantes de s’assotziatzionismu. Sa FICC duncas s’est dae semper impinnada a isvilupare unu movimentu pro sa rapresentàntzia de su pùblicu, faghende un’òpera de assistèntzia tècnica pro mèdiu de publicatziones, cursos de formatzione pro animadores de Cìrculos, su traballu de coordinamentu, sos raportos cun Entes, Cinetecas natzionales e internatzionales, agatende e distribuende film. Sas punnas e su campu da atzione de sa Federatzione si sunt acumpridas in prus de sessanta annos pro mèdiu de sas esperièntzias de sos Cìrculos conforma a sos problemas postos dae sos mèdios de comunicatzione a sa sotziedade civile. S’organizatzione de su pùblicu at leadu unu balore prioritàriu, che mèdiu capassu de favorèssere cussos protzessos de liberatzione netzessàrios pro onni autèntica e autònoma crèschda individuale e sociale. In prus sa FICC faghet unu traballu de istùdiu, chirca, sperimentatzione, formatzione, finas in sas istruturas educativas, promovende sa chistida e s’isparghinamentu de su cìnema comente bene culturale e patrimòniu de sa colletividade. Sa FICC aiat contribuidu a costituire in su 1947 sa Internationale Federation of Film Societies, presente in 45 paisos. Sa FICC contat in totu su territòriu natzionale e intre s’emigratzione italiana a s’estero belle 150 Cìrculos e deghe Centros Regionales, intre sos cales cussu Sardu chi coòrdinat, pro custa editzione de su Babel Film Festival, sas operatziones de botu pro su Premio del Pubblico FICC 2015.

/
/ /

Tel. Cod Fisc: 80114510581
/
https://www.ficc.it/

FEDIC - Federazione Italiana dei Cineclub

Il Cineclub FEDIC Cagliari nasce negli anni '50, a contatto con un'altra realtà culturale della Sardegna, la Cineteca Sarda - Società Umanitaria, con la quale continua attivamente ad operare. Inizialmente era un punto di incontro di cineamatori che condividevano le proprie esperienze attorno realizzazione di opere in 8, super8 e 16 mm, con l'impegno di divulgare l'amore per il cinema anche nelle scuole. Successivamente, dopo un periodo di interruzione delle attività, con la presidenza di Romano Widmar il Cineclub cagliaritano riprende ad organizzare degli incontri per cinefili, al fine di gestire la nuova realtà data dall'apparizione sul mercato dei sistemi "home" di videoregistrazione (VHS, superVHS, video8, betamax, ecc...), che rappresentavano un nuovo impulso alla realizzazione di cortometraggi "low cost"; il cineclub diventa quindi non solo il laboratorio di autori locali, ma un momento di confronto tra cortometraggi nazionali e internazionali che partecipano ai vari festival cinematografici sorti in tutto il mondo. Dal 2011 la presidenza del cineclub passa a Pio Bruno, socio FEDIC dal 1995, che pur seguendo l'esperienza di Widmar, cerca di dare maggiore impulso agli incontri dei "lunedì FEDIC" impostando delle serate tematiche che tengano anche conto degli sviluppi nel frattempo apportati dall'informatica nella produzione di video che consentono ad un crescente numero di persone, per la maggior parte giovanissimi, di confezionare corti di alta qualità tecnica. Ai nuovi soci, realtà più fluida e sfuggente rispetto alla fisionomia dei vecchi videoamatori, viene offerta la possibilità di uscire dai nuovi ambiti della solitaria fruizione di video on-line, con la proposta, di volta in volta differente, di un confronto tra film amatoriali, semi-professionali e professionali, inserendo anche forme di video prima non prese in considerazione ma che fanno parte della realtà mediatica nella quale siamo immersi (videoclip, spot pubblicitari, book-trailers), tra film dei decenni passati e nuove produzioni, tra realizzazioni di autori locali e altre internazionali, da godersi in una sala con grande schermo a diretto contatto di gomito con altri soci di diverse generazioni, come momento di crescita culturale e personale

7 Via Enrico Toti, 7,
51016 Montecatini Terme (PT)

Tel. Prof.ssa Vivian Tullio 011/6190313
pio.bruno@libero.it / caravellolorenzo@libero.it
http://www.fedic.it/it/index.asp

Aamod Fondazione Archivio audiovisivo del movimento operaio e democratico

Fundatzione Dpr 13 freàrgiu 1985 Afiliadu de sa Fédération Internationale des Archives du Film Sa Fundatzione Archìviu Audiovisivu de su movimentu operajo e democràticu naschet in su 1979 comente assotziu, cun sa denominatzione de Archìviu istòricu audiovisivu de su movimentu operaju. Primu presidente de sa Fundatzione est istadu Cesare Zavattini. S’Archìviu faghet s’atividade sua in su campu de sos audiovisivos, pro favorèssere su fràigu de una memòria culletiva de sos movimentos sociales. De fundamentu s’atividade sua de formatzione e agiornamentu iscientìficu sighidu in sos setores de sa chistida, tutela e valorizatzione de sos patromònios audiovisivos e in s’isparghinamentu culturale de su cìnema documentàriu. S’Archìviu, cando est nàschidu, at eredadu fundos cinematogràficos, videomagnèticos e sonos de importu, arribados dae sotziedades de produtzione cinematogràfica, intre sas cales sa Unitelefilm, e dae su patrimòniu fìlmicu ricu de su Pci. In su 1983 sa Soprintendèntzia archivìstica pro su Lazio decrarat su patrimòniu de interesse istòricu nòdidu. Est su primu archìviu audiovisivu italianu a retzire custa notìfica.

via Ostiense, 106
00154 Roma RM

Tel. 06 5730 5447
info@aamod.it
http://www.aamod.it/

Parco Palmieri

Su Parco Turistico Culturale Palmieri est unu centru servìtzios dedicadu a su turismu e a sa cultura. Tenet sa sea in su Palazzo Palmieri istòricu de Martignano, sa bidda prus minore de sa Grècia Salentina, sa leada de minoria linguìstica de su Salento, in Pùllia. Pro mèdiu de sa fòrmula de su turismu de comunidade, est impinnadu meda in chistiones de sa promotzione e valorizatzione de su territòriu, sa gestione de sos servìtzios turìsticos e culturales, cun s’ospitalidade, s’acollida e su gosamentu de sos logos. Est unu puntu de referèntzia pro su turista, pro su bisitadore, pro sas istitutziones e sos operadores culturales e econòmicos. In intro de sos tretos suos, si podet programmare s’iscoberta personale de su territòriu, seberende camineras e àndalas chi ant a giùghere a sos logos prus verdaderos de sa Gècia e de su Salento, cun un’acostiada antropològica e esperientziale. Anco custu, sa faina fitiana de promotzione e de informatzione multicanale, assegurada dae su sustennu de partner istitutzionales, s’acòstiat a sos servìtzios pro s’operadore turìsticu-culturale. Torrat a sa comunidade locale sos servìtzios a indonu de biblioteca, mediateca, ufìtziu turìsticu, produende traballu, mesche cara a sugetos disvantagiados. Est su bratzolu de eventos, progetos culturales, produtos editoriales e cinematogràficos: est impinnadu meda in s’amparu e sa promotzione de sa limba grica, pro mèdiu de su format Evò ce Esù – io e te, chi faghet sa rassinna cinematogràfica annuale Evò ce Esù – Incontri di confine tra visi e parlate, in collaboratzione cun su Babel Film Festival de Casteddu. Sa rassinna ponet a craru su cìnema de sas limbas de minoria, cun sa punna de fàghere connòschere a su pùblicu su dinamismu de realidades chi si moent in sa mirada de su rescatu e de sa voluntade de abbivamentu contra a su cunformismu culturale, in tempos de globalizatzione.

Piazza Palmieri
73020 Martignano (Le)

Tel. 0832 821827
info@parcopalmieri.it
www.parcopalmieri.it

Mostra del Cinema Occitano

In su 2007, in Lleida, ant celebradu su Primo Premio Lanterna Digitale, una faina chi contribuit a sa promotzione e a s’isparghinada de s’impreu de su catalanu e de s’ocitanu pro mèdiu de curtzumetràgios chi propòngiant unu meledu subra sas chistiones linguìsticas. Pagos meses a pustis, in su 2008, semper in Lleida, naschiat sa Mostra del Cinema Occitano, su primu festival de su cìnema ocitanu in Catalùnia, chi cheriat devènnere una ventana cara a sa limba e a sa cultura ocitana pro mèdiu de sa produtzione de audiovisivos. Sete editziones a pustis, dae unu atopu minore e informale, su festival est devènnidu unu esempru de isparghinada de una limba e de una cultura millenàrias in Europa, in prus chi unu esempru de collaboratzione e cooperatzione culturale transfrontaliera. Sa Mostra est devènnida unu traste de espositzione de creatziones audiovisivas in ocitanu, e unu traste chi at contribuidu a tèssere relatas de importu cun sas istitutziones culturales e sas aziendas de totu su territòriu catalanu e de unu tretu ocitanu, isparghinadu in tres istados europeos. Dae sa prima editzione de su 2008 finas a cussa de su 2014, 61 òperas cinematogràficas ant costituidu una programmatzione de gèneres, istiles, variantes linguìsticas e tècnicas espressivas diferentes meda.

Rambla d'Aragó, 8
25002 Lleida

Tel. 0034 973 030499
jjardanuy@gencat.cat
http://llengua.gencat.cat/ca/occita/mostra-cinema-occitan/

SUNS Europe Festival europeo delle arti performative in lingua

Su SUNS, Festival de sa cantzone in limbas de minoria de Europa, naschet in Ùdine in su 2009, e est unu festival itinerante, abertu a sa mùsica in totu sas minorias linguìsticas europeas. Est unu de sos eventos musicales prus de interessu in contu de mùsica, comente ammustrat sa presèntzia manna de artistas, chi creschet annu cun annu. Totu est a inghìriu de sas variedades de sas limbas chistionadas in Europa chi sunt rapresentadas dae sos grupos e dae sas espressadas artìsticas ispibillas de sos pòpulos chi nde sunt portaboghe. Mancari gasi su Suns non si depet pessare che a una faina isulada. S’atopu musicale est difatis sa “semifinale” chi faghet intrare a su Liet International, sa faina europea prus de importu e nòdida chi pertocat sa mùsica de minoria.

Via Volturno, 29
33100 Udine (UD)

Tel. /
info@sunseurope.com
http://www.sunseurope.com/it/

SCUOLA CINEMA L'AURA

L’AURA Scuola di Ostana est unu progetu culturale nàschidu in su 2012 dae sos registas Giorgio Diritti e Fredo Valla paris cun s'assòtziu L’aura fai son vir e Aranciafilm di Bologna. Naschit comente logu de riglesione subra de sa contemporanidade, in ue isvilupare progetos didaticos subra de sas artes. Su primu progetu fatu est su de s'iscola de tzìnema.

Frazione S. Antonio, 17
12030 Ostana (CN)

Tel. 328 766 4608
laurascuoladiostana@gmail.com
http://www.laurascuoladiostana.it

Area Visuale

-

-
- -

Tel. -
-
-

ARLeF

-

via della Prefettura
33100 Udine (UD)

Tel. 0432 555812
arlef@regione.fvg.it
http://www.arlef.it/

Denak

-

European Minority Film Festival

The EMFF is a film festival on a European level for feature films in minority languages, which means those authochtonous small nations and minorities in particular without a so-called kin-state in the background. These are e.g. the Frisians in the Netherlands and Germany, the Sorbs in Germany, the Sami in Scandinavia, the Welsh, Scottish and Cornish in Great Britain, Sinti and Roma, Rhaetians in Switzerland, Basques and Catalans in Spain or Bretons in France. Within the framework of the festival five chosen feature films, all with English or German subtitles and all from different regions, will be shown on three evenings. Among these films an independant Jury will vote the winner of the European Minority Film Award. The festival is aimed at the cineastic minded people from North Friesland and other regions in Europe where small nations are situated. The organisers are expecting numerous representatives of the minorities and small nations which are organized in the Federal Union of European Nationalities. As guests actors and directors of certain feature films will also be invited. The jury of the EMFF 2016: Prof. Elin Fredsted (DK) Miren Aperribay (E) Antonello Zanda (I) Onno Falkena (NL - head of jury)

Friisk Foriining Süderstr. 6
25821 Bredstedt/Bräist

Tel. 04671-6024154
info@friiske.de
http://www.minority-film.eu/

Kimuak

Euskadiko Filmategia - Filmoteca Vasca Kimuak Il programma Kimuak , organizzata dall'Assessorato alla Cultura del governo basco attraverso Etxepare Euskal Istituto Institutua-basco, con la collaborazione di Euskadiko Filmategia Fundazioa Foundation-basco Cineteca è stato creato nel 1998 per promuovere e distribuire Baschi livello pantaloncini livello internazionale. Tutte le opere prodotte nel CAV durante l'anno possono partecipare a questo progetto. Ogni edizione produce un catalogo che integra la selezione fatta da una giuria indipendente.

Tabakalera - Andre Zigarrogileak plaza, 1
20012 Donostia / San Sebastián [Spain]

Tel. 34 943 11 55 11 / 34 943 46 99 98
kimuak@filmotecavasca.com
http://www.kimuak.com/

Irish Film Festa

The Festival is put on in collaboration with Irish Film Institute, supported by Culture Ireland, the Irish Film Board, Tourism Ireland, Irish Embassy to Italy. The event is produced by the cultural association Archimedia. Creator and director of IRISHFILMFESTA is Susanna Pellis, Irish Cinema expert. The festival, held at the Casa del Cinema di Roma, will present new films and old unedited classics. Besides the screenings, all in original version with subtitles and all free entry, the programme includes presentations and meetings with Irish guests (directors, actors, screenwriters and producers) as well as debates and special events.

Mostre del Cine

La mostre dal Cine è un festival biennale incentrato sul cinema europeo nelle lingue minoritarie. Nato nel 2009, sulle fondamenta della mostre dal Cine Furlan, il festival ha come obiettivo principale quello di far conoscere al grande pubblico autori, produttori e opere cinematografiche rappresentative di queste realtà. Il ricco programma della manifestazione, infatti, propone la proiezione di lungometraggi e cortometraggi, film, fiction e documentari, accanto ad incontri con i protagonisti di queste cinematografie. negli anni la mostre dal Cine ha stretto collaborazioni e legami con altre iniziative e realtà Europee: una rete di contatti e rapporti sempre più saldi e produttivi, a conferma di una scena cinematografica vitale e produttiva. La quarta edizione della mostre dal Cine, che si svolgerà presso il cinema visionario di udine dal 25 al 28 novembre, prevede la proiezione di 24 film provenienti da Galizia, Catalogne, Paese Basco, Occitania, Sardegna, Galles, Groenlandia e Friuli.

v. Villalta, 24
33100 Udine (UD)

Tel. (0)432-299545 / (0)432-229815
fabiano@cecudine.org
http://www.mostredalcine.org/

Osme - Osservatorio Sociale Mitteleuropeo

L’Osservatorio Sociale Mitteleuropeo (OSME) è un’agenzia che si propone di monitorare il mondo del lavoro e degli affari sociali in Ungheria in Slovacchia e nella Repubblica Ceca, tre realtà che fanno parte del gruppo di paesi entrati nell’Unione europea il primo maggio del 2004. L’intento dell’Osservatorio è quello di fornire agli interessati degli aggiornamenti inizialmente bisettimanali su quanto riguarda le complesse dinamiche del mercato del lavoro esistenti nei paesi indicati, la scuola e le questioni sociali tuttora di primo piano in realtà che per molti versi non sono ancora uscite da una fase di transizione iniziata con la caduta dei regimi. Ulteriori e più dettagliate informazioni sull’attività dell’OSME e sui suoi progetti di ricerca saranno a disposizione dei visitatori man mano che il sito verrà aggiornato.

Yole
APAK Asociación de Productores Audiovisuales Kichwas

-

Sucre 608 y Piedrahita
- Otavalo (EC)

Tel. (+593) 2 920 261
apak.org@gmail.com
http://www.apakotavalo.tv/

Unica - Università degli Studi di Cagliari

Sede primaria dell’elaborazione e della diffusione del sapere, concorre allo sviluppo culturale, sociale ed economico attraverso la ricerca, la formazione e il trasferimento delle conoscenze scientifiche Vision Realizzare, nel confronto nazionale ed internazionale, qualità nella ricerca, nell’alta formazione e nei servizi al territorio, con l’utilizzo razionale delle risorse Valori Rappresentano i principi ispiratori dell’attività dell’Ateneo e ne esprimono il patrimonio culturale ed identitario - Autonomia didattica e scientifica - Servizio al territorio - Trasparenza ed accountability - Partecipazione democratica ed efficacia dei processi decisionali - Efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa - Attenzione alla qualità, alla valutazione dei risultati e al riconoscimento dei meriti - Valorizzazione dei processi di internazionalizzazione - Rispetto delle pari opportunità - Difesa e sviluppo del diritto allo studio

Via Università 40
09124 Cagliari

Tel. 0706751
-
https://www.unica.it/unica/

Associazione Interculturale NUR

-

via dei colombi 1
09126 Cagliari (CA)

Tel. +39070301381
assonur@gmail.com
http://www.assonur.org/sito/

Uiki - Ufficio d'informazione del Kurdistan in Italia

Nell’ambito delle organizzazioni del movimento kurdo, nel maggio 1999 è stato fondato l’Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia (UIKI-Onlus), l’ultimo di questo genere in Europa. L’apertura di un tale ufficio, come un’organizzazione non lucrativa di utilità sociale, è nata dalla necessità di fornire informazioni e ricevere consenso e sostegno da parte dell’opinione pubblica italiana circa il movimento kurdo e le sue attività in particolare, la questione kurda e il Kurdistan in generale. UIKI, fin dalla sua nascita, si occupa soprattutto di fare informazione: in generale sulla questione kurda sia in Kurdistan che in Europa, mentre nello specifico si occupa di fornire informazioni sulla repressione, la discriminazione e la guerra contro il popolo kurdo nei quattro paesi in cui il Kurdistan è stato diviso nel 1923 con il Trattato di Losanna, dove il popolo kurdo è stato separato e costretto a subire gravi forme di discriminazione ed esclusione. A UIKI lavorano sia kurdi che italiani, impegnati in una serie di attività eterogenee, per la maggior parte, a livello di volontariato. UIKI si occupa di prendere parte a incontri pubblici per presentare la questione kurda, la problematica del Kurdistan e dei kurdi, spesso su tematiche che coinvolgono direttamente l’Italia, come, ad esempio, la lotta contro ogni forma di violenza nei confronti delle donne, l’opposizione all’utilizzo della tortura nelle prigioni, la battaglia civile contro la vendita di armi, oppure la sensibilizzazione per il rispetto dei diritti umani in Turchia, l’opposizione alla guerra, la libertà di stampa e d’opinione, la condizione dei minori o il fenomeno dell’immigrazione. La gran parte dell’attività, che l’Ufficio d’Informazione del Kurdistan in Italia svolge, è di relazione con le organizzazioni della società civile, affinché si possano stabilire delle durature relazioni fra i kurdi e le kurde attraverso le loro organizzazioni e quelle italiane, con lo scopo di rafforzare la società civile kurda nei paesi in cui opera e sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione e le problematiche generali che riguardano il popolo kurdo e il Kurdistan. Ogni notizia tradotta e pubblicata è tratta da siti web ufficiali, giornali, agenzie e canali televisivi turchi e kurdi – ad esempio: ANF, ANHA, DIHA, JINHA, ROJ News, Ronahi Tv, Newroz Tv, Nuce Tv, Sterk Tv, Yeni Ozgur Politika, Ozgur Gundem, e da contatti diretti nei luoghi. Inoltre, si pubblicano tutti i rapporti delle delegazioni di osservatori in ogni parte del Kurdistan, nonché tesi universitarie su tematiche inerenti al Kurdistan, qualora gli autori ne accettino la pubblicazione da parte nostra… Non ultima è l’attività svolta per la realizzazione di eventi culturali, in collaborazione con altre associazioni e organizzazioni italiane, che possano trasmettere e far conoscere l’identità, la cultura e le tradizioni del popolo kurdo e del Kurdistan, coinvolgendo e rendendo partecipi gli stessi italiani in Italia. Oppure, attraverso l’organizzazione di missioni di osservatori in occasione di grandi eventi culturali direttamente in Kurdistan, come succede ogni anno in occasione del Newroz, il capodanno kurdo. Uno degli obiettivi principali dell’associazione è adoperarsi nella realizzazione di viaggi e missioni di studio, di ricerca, di turismo alternativo o con fini di cooperazione internazionale in Kurdistan. L’associazione nel corso degli anni ha contribuito a creare momenti di confronto a carattere politico, sociale e culturaIe in Italia e all’estero. Infatti, UIKI è membro del Comitato Italiano per lo Sviluppo e la Cooperazione dell’Anatolia del Sud Est (CISCASE), con sede presso la Regione Puglia, che sta avviando e portando a compimento alcuni progetti di cooperazione internazionale decentrata fra le amministrazioni locali italiane e quelle del Kurdistan Nord. UIKI fa inoltre parte della Rete Italiana di Solidarietà con il Popolo Kurdo.

Via Merulana, 17
17 Roma (Rm)

Tel. 0664871176
info.uikionlus@gmail.com
http://www.uikionlus.com/

Assòtziu de sos Sardos in Catalugna

Semus una truma de amigos mòvidos dae s’amore pro s’ìsula nostra. Nde semus atràidos, la disigiamus, mannu est s’apegu, li semus a curtzu. Semus disterrados chi la giughent incoro. Bivimus in Bartzellona e faeddamus sardu, italianu, cadalanu, ispannolu, inglesu, frantzesu… semus mediterràneos. Semus fìgios de un’ìsula ispantosa, un’ìsula chi meresset de prus. Semus sos sèmenes chi ispainende·si cherent difùndere sa cultura issoro. Lu cherimus ca semus cumbìnchidos chi tenimus un’identidade comuna. Un’identidade a costoire, mantènnere e isvilupare. Inoghe pro donare sa cuntributzione nostra a sa limba sarda (imparende·la o insinnende·la), amus a fàghere cursos de limba, amus a creare unu tradutore sardu-italianu, italianu-sardu. Semus cumbìnchidos chi su sardu si podet inserire in sa sotziedade nostra e in su mundu de su Web a livellu formale e non petzi folklòricu. Pensamus globale, atuamus locale. Su Tzìrculu nostru (e su tuo) s’agatat in tzentru de sa Ciutat Comtal. Inoghe nos atobiamus pro ammanitzare eventos in relata cun sa vida de Sardigna: ordingiamus mustras fotogràficas, projetziones de documentàrios (fintzas de atualidade comuna, est a nàrrere, sos chi pertocant sos deretos de sos pòpulos a s’autodeterminatzione), sessiones musicales, mùsica sarda e poesia. Nos reunimos e nos ispassiamus. Sonamus e cantamus. Tastamus e tzicamus sos sabores de Sardigna. Faghimus cursos de coghina sarda.

carrer del Bisbe Laguarda 9
08001 Barcellona (ES)

Tel. +34 644245264
info@assotziusardos.cat
http://www.assotziusardos.cat/

Terra de Punt
Sucar Drom - Istituto di cultura Sinta

-

via don Enrico Tazzoli n.14 - Mantova
46100 Mantova

Tel. (0039) 0376 360643
-
http://www.sucardrom.eu/home_it.html

Studentski Kulturni Centaran

-

Kralja Milana 48
11000 Belgrado (Serbia)

Tel. -
-
https://www.skc.org.rs/

BORDER CROSSINGS Festival

-

Chocolate Factory 2 Coburg Road N22 6UJ
- Londra (GB)

Tel. +44 (0)20 8829 8928
info@bordercrossings.org.uk
www.bordercrossings.org.uk

Rete Kurdistan

La Rete italiana di solidarietà con il popolo kurdo raccoglie diverse associazioni, gruppi informali, singole personalita'(giornalisti, avvocati, operatori sociali,sindacalisti,attivisti) che nei vari territori fanno informazione e sostengono progetti di cooperazione con le regioni del Kurdistan in particolare della Turchia. Ogni realta’ locale della rete di solidarieta’ promuove sia iniziative territoriali ,sia iniziative nazionali. In questi anni le iniziative intraprese sono state: delegazioni di osservatori internazionali in occasione del Newroz (il capodanno curdo che si tiene il 21 marzo di ogni anno) e in altri momenti di particolare interesse come i processi contro deputati, sindaci, attivisti kurdi, sia durante le elezioni legislative e politiche. La Rete Italiana di solidarieta’ con il popolo kurdo sviluppa inoltre progetti di cooperazione decentrata in collaborazione con gli enti locali e la societa’ civile kurda. In Italia: conferenze, attività culturali, iniziative politiche di sensibilizzazione sulla violazione dei diritti umani e a favore di una soluzione pacifica della questione kurda in collaborazione con i rifugiati kurdi presenti in Italia.

Clacpi
Diari di Cineclub
- Evo' Ce Esu' - Rassegna Cinematografica di Martignano

L’evento, che si svolgerà negli spazi del Parco Turistico Culturale Palmieri a Martignano (Le) (Sala conferenze, frantoio semi-ipogeo, giardino e cortile di Palazzo Palmieri, Piazza Palmieri), pone l’accento sul cinema delle lingue definite “minori”, con l’obiettivo di far conoscere al pubblico il dinamismo di molte realtà che si muovono nella prospettiva del riscatto e della volontà di risveglio dal torpore e dal conformismo culturale, nel tempo della globalizzazione. Un linguaggio, quello filmico, contemporaneo ed accattivante, in grado di penetrare confini linguistici e lessicali ed aprire varchi a relazioni, a contenuti emozionali rappresentativi di territori e culture diverse; uno strumento in grado di togliere via la polvere che si nutre di lingue deposte, coperte dai teli dell’abbandono o dell’indifferenza. Ma anche l’occasione per porre uno sguardo su storie e prospettive di “confine”, dove l’alterità, con le contraddizioni umane e sociali che genera, diventa occasione di riflessione sui grandi temi della contemporaneità. L’iniziativa nasce da un’idea progettuale del Parco Turistico Culturale Palmieri di Martignano, condivisa e sostenuta dalla fattiva collaborazione della Cineteca Sarda, la prima infrastruttura audiovisiva pubblica, culturale ed educativa in Italia, nata nel 1966, l’unica in Sardegna dotata di una struttura permanente di studio e sperimentazione, che ha portato alla realizzazione del catalogo regionale del patrimonio audiovisivo riguardante la Sardegna; e del Babel Film Festival di Cagliari, il primo concorso cinematografico internazionale destinato esclusivamente alle produzioni cinematografiche che guardano e raccontano le minoranze, in particolare linguistiche, promosso da Babel e Terra di Punt, da Area Visuale Film e dalla Cineteca Sarda. La collaborazione con le realtà sarde, con l’iniziativa Babel in Tour, rende possibile una rassegna ricca e variegata, altamente rappresentativa del cinema di minoranza linguistica, l’unica nel suo genere in Puglia. Inoltre, l’interazione con altre realtà provenienti da diverse parti d’Italia e non solo, sugella un percorso di rete che, nel segno della diversità culturale e linguistica, crea ponti e collaborazioni inaspettate, contribuendo in modo sostanziale alla valorizzazione e promozione del territorio pugliese e griko in particolare.

-
- Martignano (Le)

Tel. 3923309993
-
https://www.puglia.com/evo-ce-esu/

Taxi Drivers

CANALES UFITZIALES

CUMPARTZI SA PÀGINA

BABEL FILM FESTIVAL
c/o Società Umanitaria
Viale Trieste 118, 126 - Cagliari
Privacy Credits
© Totu sos deretos reservados
SEGRETERIA
Tel. +39 070 278630
info@babelfilmfestival.com